IQNA

15:59 - August 31, 2017
1
Notizie ID: 3482098
Tehran-Iqna-La Guida Suprema ha diffuso il suo messaggio annuale ai milioni di pellegrini presenti alla Santa Mecca in occasione del Hajj.
Messaggio della Guida Suprema della Rivoluzione Islamica ai pellegrini musulmani in occasione del Hajj


La Guida Suprema della Rivoluzione Islamica dell'Iran,il Gran Ayatollah Seyyed Ali Khamenei,ha diffuso il suo messaggio annuale ai milioni di pellegrini presenti alla Santa Mecca in occasione del Hajj del 1438 dell'egira.

Nel messaggio la Guida Suprema ha elogiato la presenza di milioni di pellegrini musulmani presso la Casa di Dio,in quella che e' una delle piu' grandi manifestazioni collettive al mondo.Per la Guida Suprema tale evento dimostra la grandezza della nazione islamica,e ha una doppia valenza spirituale e politica.

Dal punto di vista spirituale il pellegrinaggio alla Mecca puo' portare al rafforzamento delle virtu' umane,in particolare quelle dell'umilta' dinanzi ad Iddio,e in seguito nei confronti dei propri fratelli e simili.Cio' conduce il fedele ad un'elevazione spirituale verso il Creatore.

Il grande evento del Hajj,che vede milioni di musulmani di tutte le lingue ed etnie l'uno al fianco dell'altro,e' altresi' la dimostrazione della grandezza e dell'unita' del mondo islamico.Tale occasione deve essere sfruttata dai musulmani per mettere da parte i dissidi al proprio interno,e per formare un fronte comune verso i nemici dell'Islam.

Per l'Ayatollah Khamenei le discordie all'interno del mondo islamico sono create ed approfondite dai nemici dell'Islam,i quali soffiando sul fuoco delle differenze etniche e religiose,cercano di trasformare le terre islamiche in un inferno di odio e di violenza.La Guida Suprema ha ricordato ai musulmani che mentre sono in corso conflitti che dilaniano paesi come Siria,Iraq,Yemen,Libia,Afghanistan e Bahrein,il cuore del mondo islamico,ovvero la Palestina,e' sotto occupazione da parte del regime sionista,che e' la sola entita' a beneficiare da tali conflitti.

L'Ayatollah Khamenei ha quindi ribadito la necessita' di dissipare le ostilita' tra i musulmani,e di serrare i ranghi per la difesa delle varie minoranze musulmane perseguitate,come i Rohingya del Myanmar,e soprattutto contro il comune nemico sionista.A cio' devono contribuire,secondo il leader supremo,le elites ed in particolare i leader religiosi dei paesi islamici.

La Guida Suprema ha infine augurato ai pellegrini l'accettazione delle loro preghiere da parte di Dio,e ricordato i martiri della tragedia di Mina e del Masjed al-Haram di due anni fa,chiedendo ad Iddio l'elevazione delle loro anime. 











Iqna-E' autorizzata la riproduzione esclusivamente citando la fonte

    
pubblicato: 1
In fase di valutazione: 0
non pubblicabile: 0
Marco
0
2
Dio benedica l'Iran e Leader Khamenei
Nome:
Email:
* Commento: